Sentieri a Castagnole delle Lanze

dogliotti
CASTAGNOLE DELLE LANZE

Tour in EBike – “Pedalando tra Langa e Monferrato”

Partiremo insieme da una storica azienda vinicola che si trova nella parte bassa del centro abitato, le Cantine Dogliotti 1870 e, attraverso un suggestivo sentiero immerso nei vigneti pedaleremo rapidi verso la valle
CASTAGNOLE DELLE LANZE
sentiero a castagnole

Tour a piedi – “La fioritura dello zafferano”

Partendo dalla Chiesetta di San Defendente ci sposteremo attraverso verdeggianti stradine immerse tra le vigne verso la Frazione Carossi, dove ad attenderci ci sarà l’Azienda Agricola Saglietti 1941, che offrirà agli ospiti alcune specialità.
CASTAGNOLE DELLE LANZE

Tour a piedi – “Terra di Moscato e nocciole”

Venite a Castagnole delle Lanze e percorrete con noi questo sentiero, partiremo insieme da una storica azienda vinicola che si trova nella parte bassa del centro abitato, le Cantine Dogliotti 1870.

Produttori a Castagnole delle Lanze

I sentieri gastronomici nascono per dare nuova luce ai piccoli produttori locali. Qui sotto, vengono riportati alcuni dei migliori produttori di vino nella quale vivere la vera esperienza delle degustazioni.

Clicca sui loghi dei nostri partners per scoprire le loro specialità.

criolin
Gianni-Doglia-Logo
dogliotti
Cascina Nonno Gino Logo
Tenuta San Mauro Logo
bel sit winery

Dove mangiare a Castagnole delle Lanze

pan pist
ristorante castello

Cenni storici su Castagnole delle Lanze

Il Comune di Castagnole delle Lanze si trova nella Provincia di Asti, ma si colloca geograficamente in una sorta di “terra di mezzo”, compresa tra le Langhe e il Monferrato e da sempre vive questa doppia vicinanza risentendo dell’influenza sia di Asti che di Alba e trasponendo questa duplice identità territoriale anche sulle produzioni agricole e in particolare vinicole.

Nel panorama enologico locale possiamo trovare infatti uvaggi e vini tipici dell’una e dell’altra zona, come la Barbera d’Asti, Il Dolcetto d’Alba e il Moscato d’Asti.
Ed è sempre il vino a scandire e caratterizzare la vita di numerosi dei suoi attuali 3800 abitanti,
buona parte dell’economia locale si poggia infatti sulla produzione enologica di eccellenza che negli anni ha visto esportare le proprie bottiglie in tutto il mondo.

Il centro storico si arrampica ripido per la collina che domina la parte nuova del paese, situata più a valle e,
tra edifici di epoca medievale e chiede secentesche, offre al visitatore notevoli esempi di architettura barocca ligure-piemontese. Nel Parco della Rimembranza si erge la torre panoramica edificata, nella seconda metà del XIX secolo, dal conte Paolo Ballada di San Robert che se ne serviva come osservatorio astronomico.

Le colline circostanti, trapuntate di vigneti ordinati e percorse da lunghi filari, sono attraversate da piccole strade solitarie che lungo il saliscendi del territorio aprono lo sguardo su vallate verdeggianti che discendono gradualmente verso la Valle del Tanaro.